Dipendenza da tecnologia? Ecco alcune soluzioni.

Lo sviluppo tecnologico è senz'ombra di dubbio importante, in quanto ci permette di svolgere con maggior facilità alcune attività quotidiane. Basti pensare a smartphone, tablet, computer e smartwatches, che ci aiutano ad essere più organizzati e a connetterci con persone distante fisicamente da noi in modo facile e veloce. Allo stesso tempo, però, non è tutto oro ciò che luccica e, a volte, può capitare che si finisca per essere rinchiusi in un vortice come quello della dipendenza da tecnologia. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme come affrontare questo problema.

L'importanza di essere forti e decisi

I bambini e gli adolescenti sono sempre più dipendenti dalle nuove tecnologie, così come sempre più adulti non possiamo fare a meno di utilizzare smartphone e dispositivi digitali di vario genere. Basta guardare al semaforo, al bar oppure sulle panchine di un parco per rendersi conto di questa deprimente realtà.

Come fare, quindi, per fermare questa ondata di dipendenza nei confronti della tecnologia? Ebbene, in primo luogo bisogna essere bravi a dire no. È importante stabilire delle regole e fissare dei limiti. Dietro ad un bambino che utilizza tutto il giorno il tablet, infatti, vi sono ovviamente dei genitori che glielo permettono. Allo stesso tempo è importante dare il giusto esempio. Nonostante i numerosi impegni, infatti, è importante trasmettere il messaggio che non tutto gira attorno al proprio smartphone.

Come tutte le forme di dipendenza, per uscire dal circuito vizioso che la dipendenza da internet crea è fondamentale rinforzare le proprie strutture interne, come ad esempio l'autostima. È importante, ad esempio,  limitare l'uso dello smartphone e confinarlo in momenti precisi della giornata.

Oltre alla tecnologia c'è di più

Anche se la tecnologia si rivela essere un valido alleato nella vita di tutti i giorni, allo stesso tempo è bene ricordare che è possibile fare tante cose senza utilizzare necessariamente apparecchi elettronici. Basti pensare ad una bella passeggiata al parco, una partita di calcio con amici o una chiacchierata al bar. Sono tutte attività che permettono di socializzare, senza dover utilizzare social network, tablet o messaggi istantanei. A volte, infatti, basta davvero poco per risolvere il problema delle dipendenza dalla tecnologia.

A tal proposito vi consigliamo di cominciare a fare attività alternative e, in casi estremi, ricorrere all’aiuto di una terapia o gruppi di sostegno. È fondamentale, infatti,  sostenere ed aiutare una persona per permetterle di combattere la  dipendenza da internet in modo stabile e duraturo nel tempo.

Dall'altro canto non bisogna demonizzare. La verità, in effetti,come sempre, è nel mezzo. Risolvere la propria dipendenza da tecnologia, infatti, non vuol dire dover rifiutare qualsiasi tipo di dispositivo tecnologico, ma semplicemente usarli solo quando strettamente necessario. In fin dei conti, chiamare una persona lontana fisicamente da noi è senz'ombra di dubbio belle e confortate. Sapere di essere vicini, pur essendo fisicamente lontani, è ovviamente un aspetto importante da non trascurare. Allo stesso tempo, però, non bisogna esagerare e offrire ai ragazzi il giusto esempio.

Solo in questo modo sarà possibile aiutare i più giovani ad evitare di diventare dipendenti delle nuove tecnologie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi